Aggiornamenti legislativi e giurisprudenziali - dicembre 2017

NEWSLETTER MENSILE UPA

 

 




FTCC


Il Codice della privacy fra legge delega e prime modifiche legislative.

A fine ottobre, la legge di delegazione europea 2016 – 2017 (legge n. 163/2017) ha delegato il governo (art. 13) ad adottare, entro sei mesi dalla sua entrata in vigore, decreti legislativi volti ad adeguare il quadro normativo italiano al GDPR (Regolamento n. 679/2016), provvedendo in particolare all’abrogazione esplicita delle disposizioni del Codice Privacy incompatibili con quelle contenute nel GDPR, alla modifica del Codice Privacy e al coordinamento di quest’ultimo con il GDPR, all’individuazione degli argomenti sui quali sia necessaria l’emanazione di provvedimenti integrativi e attuativi da parte del Garante Privacy, alla determinazione delle sanzioni, in linea con quelle previste dal GDPR (vedi sul punto la nostra ultima Newsletter).

GDPR: alcuni spunti di riflessione in tema di profilazione di bambini (o minori?)

Il 28 novembre u.s. si è chiusa la consultazione pubblica sulle linee guida del WP art. 29 in tema di processi decisionali automatizzati e profilazione, pubblicate il 3 ottobre u.s. Per il nuovo anno si attende l’emanazione della versione definitiva di tale documento e la traduzione in italiano da parte del nostro Garante. Si spera che nella versione definitiva e nella traduzione in italiano delle linee guida in questione venga definitivamente chiarito l’equivoco terminologico di cui diremo più avanti, così evitando il molto probabile diverso trattamento normativo da parte degli Stati membri UE di una medesima fattispecie.

Domanda riconvenzionale di nullità del marchio EU: è sufficiente proporla?

Con sentenza 19 ottobre 2017, in causa C-425/16, la Corte di Giustizia si è pronunciata sui rapporti fra domanda di contraffazione di un marchio dell’Unione Europea e domanda riconvenzionale di nullità dello stesso. L’art. 99 par. 1 del Regolamento sul marchio dell’Unione Europea (Regolamento n. 207/2009, ora sostituito dal Regolamento n. 1001/2017, art. 127) è apparentemente chiarissimo, e istituisce una presunzione di validità dei marchi dell’Unione Europea azionati davanti ai relativi Tribunali, “a meno che il convenuto ne contesti la validità mediante una domanda riconvenzionale di decadenza o di nullità”.

Distribuzione selettiva di cosmetici di lusso: il caso Coty.

Il 6 dicembre 2017 la Corte di Giustizia UE ha definito un’interessante questione in materia di compatibilità con la normativa antitrust di un sistema di distribuzione selettiva volto a proteggere l’immagine di lusso dei prodotti, e di clausole che vietino al distributore di vendere i prodotti su Internet tramite imprese terze riconoscibili dai consumatori. La questione è stata sollevata in via pregiudiziale nell’ambito di una controversia promossa in Germania da Coty Germany GmbH, noto fornitore di prodotti cosmetici di lusso, nei confronti del suo distributore autorizzato, Parfümerie Akzente GmbH.



R&P Legal


Importante decisione della Corte di Giustizia Europea in tema di distribuzione di prodotti di lusso su piattaforme terze (es. Amazon)

La Corte di Giustizia Europea pubblica l’attesa decisione sul caso C-230/16 Coty Germany GmbH / Parfümerie Akzente GmbH. La Corte dichiara che il divieto di intese previsto dal diritto dell’Unione non osta a una clausola contrattuale che vieta ai distributori autorizzati di un sistema di distribuzione selettiva di prodotti di lusso finalizzato, primariamente, a salvaguardare l'immagine di lusso di tali prodotti, di servirsi in maniera riconoscibile di piattaforme terze (quale ad esempio Amazon)

Cassazione Civile: la licenza del diritto di sincronizzazione esula dalle competenze della SIAE

Con sentenza n. 29811 del 12/12/2017, la Corte di Cassazione ha affermato che la sincronizzazione – ossia l’abbinamento con le immagini di un’opera musicale – costituisce atto più complesso della semplice riproduzione ed esige l’esplicito consenso individuale dell’autore dell’opera stessa.

Sfruttamento pubblicitario dei beni culturali: i Tribunali di Firenze e Palermo fissano limiti e criteri

Lo sfruttamento commerciale di un bene culturale richiede, ai sensi dell’art. 108, D.Lgs. 42/2004, il consenso dell’autorità che ha in consegna l’opera che può inoltre richiedere il pagamento di un canone di concessione. Questo principio di diritto è stato recentemente affermato dal Tribunale di Firenze

Codice Privacy: i recenti interventi del legislatore

Con la Legge n. 167/17, pubblicata in G.U. il 27 novembre 2017 ed entrata in vigore lo scorso 12 dicembre, il Legislatore ha formalmente dato il via al processo di armonizzazione della normativa nazionale in tema di trattamento dei dati personali con il GDPR.



Studio Previti


Immagini diffamatorie pubblicate su Instagram: la reputazione va tutelata

La tutela della reputazione va assicurata anche a chi subisce attacchi diffamatori su Instagram, attraverso la manipolazione di un’immagine. Pertanto, se i giudici nazionali non provvedono a punire chi lancia accuse false sul social network – classificando le informazioni come giudizi di valore, quando in realtà sono dichiarazioni di fatto – è certa la violazione dell’art. 8 della Convenzione europea dei diritti dell’uomo, che assicura il diritto al rispetto della vita privata, incluso quello alla reputazione, Lo ha stabilito la Corte di Strasburgo con la sentenza depositata il 7 novembre 2017, relativa al ricorso n. 24703/15.

Webtracking e responsabilità del trattamento dei dati personali: il parere della CGUE

Con il parere sulla domanda di pronuncia pregiudiziale proposta dalla Corte amministrativa federale tedesca in merito alla causa promossa da “Wirtschaftsakademie” contro l’Autorità di vigilanza regionale per la protezione dei dati del Land Schleswig-Holstein (in seguito “ULD”), l’Avvocato Generale della CGUE (Causa-C-210/16) si è espresso con riguardo al trattamento dei dati personali sui social network.





2016 UPA, all rights reserved

Qualcuno ti ha girato la nostra newsletter ma non sei sulla nostra lista, iscriviti qui

Non desideri più ricevere gli aggiornamenti di UPA, disiscriviti qui